Verifiche Green Pass studenti e indicazioni operative

In riferimento alle  nuove modalità di gestione dei casi di positività all’infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico – art. 4, del decreto-legge 7 gennaio 2022, n. 1  e alla  Nota ministeriale  n. 11 dell’8 gennaio 2022 (allegato) si ricorda che in presenza di due positività in una classe (verificatesi a seguito della ripresa  delle lezioni, per i presenti a scuola dal 10/01/2022), gli alunni non positivi  della classe saranno disposti in Didattica Digitale Integrata o in regime di Auto-sorveglianza e didattica in presenza con obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2.  Si chiarisce che in riferimento alla Nota ministeriale n. 14 del 10  gennaio 2022   la possibilità di frequentare in presenza, seppur in regime di Auto-sorveglianza,  è consentita solo agli  alunni che dimostrino  di possedere i requisiti indicati dalla normativa vigente. Il possesso di tali requisiti, soggetti a verifica quotidianamente per il periodo di dieci giorni dall’ultimo contatto con soggetto positivo all’infezione da SARS-CoV-2 ,  deve  essere dimostrato dall’alunno interessato, all’ingresso dell’edificio scolastico,  in modalità cartacea o digitale, con Green Pass e/o altra certificazione da cui si evinca la data dell’ultima somministrazione  di vaccino (II  dose  entro 120 giorni) oppure III dose di richiamo  oppure  guarigione da meno di 120 giorni. Si richiede pertanto massima collaborazione con  il personale addetto alle operazioni di verifica del Green Pass e/o altra certificazione idonea degli studenti interessati, per i quali sarà disposto un ingresso all’edificio dedicato. Per il periodo di controllo,  è fatto divieto agli studenti in Auto-sorveglianza di recarsi direttamente in aula senza aver consentito la verifica descritta.

Si precisa che la procedura di verifica si riferisce a tutti gli studenti in Auto-sorveglianza, come da Circolare del Ministero della Salute n. 60136 del 30/01/2021 (Contatti stretti -Alto Rischio), per dieci giorni dall’ultimo contatto o da comprovata negativizzazione di congiunto convivente.